Come fare Link Building: Ti Spiego le Tecniche Avanzate

La link building è quella sotto disciplina della SEO che ha l’obiettivo di aumentare l’autorevolezza di un sito web.

Ma oggi non parleremo di che cos’è la link building o perché farla, oggi tratteremo argomenti più profondi.

Ti spiegherò le tecniche avanzate della link building.

Se non sai cos’è o perché è fondamentale per il tuo sito, ti consiglio di informarti meglio in quanto questo articolo ti spiegherà solo le tecniche di link building più avanzate.

link building avanzata libro
Clicca qui per vedere il prodotto

Molte di queste tecniche sono tratte dal libro che ho acquistato di Ivano Di Biasi, Link Building.

Ivano Di Biasi è uno dei punti di riferimento in Italia per la Link Building.

Se sei agli inizi ti consiglio vivamente di leggere questo libro perché inizia dalle basi e ti porta fino ai livelli più alti.

Ti consiglio di leggere tutto perché difficilmente puoi trovare un articolo scritto così in modo semplice riguardo ad un argomento così controverso e complesso.

Quelle che ti mostro oggi non sono tutte le tecniche esistenti. Comunque partiremo con quelle più semplici da capire fino ad arrivare alle più complesse.

Perfetto, dopo fatto questo doveroso inizio, partiamo!

1) Stai attento! Dove metti i link?

inserimento link

Lo sapevi che lo stesso link messo in una posizione diversa del sito ha completamente un’altra efficacia?

Mi spiego un pò meglio.

Un link cambia il valore apportato al tuo sito in base a dov’è posizionato all’interno di una pagina.

Di solito un sito fondamentalmente ha questa struttura.

struttura sito template web

Abbiamo l’header in cui c’è il logo del sito e il menù di navigazione, in questa parte è fortemente sconsigliato inserire link, in quanto l’header si ripete in tutte le pagine e quindi non sarebbe contestualizzato.

Anche la sidebar fa parte di una area che si ripete (eccetto in pochissimi template WordPress), quindi mettere un link nella sidebar potrebbe risultare a Google come SPAM.

Di solito la Sidebar viene utilizzata come secondo menù di navigazione del sito, oppure, per aiutare il l’utente a trovare contenuti come una barra di ricerca o categorie di articoli.

Footer: anche qui si rischia una penalizzazione da parte di Google in quanto è una parte che si ripete per il sito, non è contestualizzata ed è in fondo alla pagina: Google capisce che si cerca di manipolare la SERP.

Quindi, dove si possono inserire i link? Ti starai chiedendo.

Nell’unica parte che non ancora ho citato.

Si tratta della content area: ovvero la parte dove c’è un contenuto (che puoi essere sia un articolo che una pagina).

L’area del contenuto è la parte più indicata per inserire link contestuali in uscita.

Per quale motivo?

Quando inseriamo un link in un articolo, Google capisce che quel link serve a fornire approfondimenti su un argomento al fine di farlo capire meglio al lettore.

Quindi se si vuole mettere un link, quella è la parte più indicata se non si vuole rischiare una penalizzazione.

Inserire un link nella content area

content area link

Quindi posso inserire il link dove voglio, basta che è all’interno di un articolo, giusto?

Dipende.

Anche dove posizioni li link all’interno dell’articolo contribuisce al trasferimento di link juice.

Per esempio, un link proposto nelle frasi iniziali del testo ha maggior valore: precisamente nella prima schermata su monitor senza dover scrollare la pagina in basso (above the fold).

Il link dev’essere ben visibile e distinguersi nettamente dal testo circostante.

Se devi inserire un link fallo testuale e non per immagine, Google attribuisce meno valore a quest’ultimo.

2) Il sito da cui ricevi il link è di qualità?

link siti di qualità

Ok ora vediamo tre aspetti per vedere se il valore che ottieni è realmente utile al sito.

Ecco cosa tratteremo:

  • Link da sito in topic o off topic?
  • Link provenienti da pagine web con troppi link esterni
  • Siti web penalizzati

Link da sito in topic o off topic?

siti web off topic link building

Purtroppo molte agenzie web continuano a richiedere link di pessima qualità da pagine completamente off topic.

Un momento, cosa significa off topic?

Facciamo un esempio.

Mettiamo il caso che il tuo sito parla di scarpe.

Accettare un link dofollow da un sito che parla di salumi è off-topic, il motivo è semplice: sono settori, o nicchie, completamente diverse.

Google giustamente pensa: come fa ottenere un link da un sito di salumi se trattano argomenti completamente diversi?

Qui giunge alla conclusione che il link è stato acquistato.

Come già sai, Google odia i link acquistati.

Link provenienti da pagine web con troppi link esterni

Ottenere un link da un sito con tantissimi link in uscita è da considerarsi nullo per vari motivi.

Il primo motivo in assoluto è che Google identifica il sito con tanti collegamenti esterni come SPAM.

Il secondo in termini di link juice: trasferendo valore a tantissimi siti, il potere di ranking di quel sito si abbassa a zero.

Siti web penalizzati

Un sito web penalizzato è come una persona poco credibile, inaffidabile e bugiarda.

Se ti dà un consiglio tu lo ignori.

Stessa cosa succede con i siti web.

Se ottieni un link da un sito web penalizzato, Google oltre a vedere lui come persona inaffidabile…

penserà che lo sarai anche tu.

Quindi meglio evitare link da siti penalizzati.

3) Come strutturare un profilo backlink senza avere penalizzazioni?

strutturare profilo backlink

Quando decidi di condurre o avviare una compagna di link building non puoi fare le cose a caso, come si suol dire.

Come in tutte le cose, bisogna organizzarsi bene, soprattutto, perché c’è di mezzo la valorizzazione del tuo sito web MA ANCHE LA PENALIZZAZIONE

Infatti nella link building se non valorizzi un sito, lo penalizzi (solo in rari casi non succede nulla)

Quindi devi tenere a mente 4 aspetti molto importanti.

  1. I Branded link devono essere di una percentuale nettamente superiore rispetto a quelli con anchor text manipolativi (citazioni).
  2. I link manipolativi devono essere al massimo il due per cento di tutta la campagna.
  3. Non puoi usare sempre gli stessi anchor text, bisogna variare.
  4. I domini che linkano il nostro sito devono avere IP diverso, altrimenti, Google capisce che si tratta dello stesso proprietario.

Importanza dei branded link

branded

Quando un sito web produce un branded link verso il tuo sito, sta facendo sapere a Google che ha ritenuto necessario a chiamarti in causa.

Questo perché ti ritiene una fonte attendibile per approfondire l’argomento.

Quindi qual’è lo scopo di un branded link?

Ha lo scopo di citare un sito come fonte autorevole riguardo il contenuto che sta trattando e non per una parola chiave.

Hai capito ora perché il link dev’essere contestualizzato?

Un branded link non serve a consigliare un sito per una keyword specifica.

Serve a fare una rete tra siti dello stesso topic, facendo capire a Google chi è autorevole in un settore e chi no.

Quindi: se non ricevi branded link, non sei da considerare autorevole per Google e quindi non meriterai mai di ottenere link manipolativi con ancora esatta.

Bilanciamento anchor text (Presta Attenzione)

Una cosa che si sbaglia sempre, e che anche i più esperti ci cascano è NON studiare bene il tipo di ancore.

Finora abbiamo visto che si sono 2 ancore:

  • branded
  • manipolative

Se vuoi spingere una pagina precisa, perché, magari, quella la pagina dove vendi un tuo prodotto o servizio dovresti utilizzare delle ancore manipolative.

Ovvero ancore che contengono le keywords principali della tua offerta.

Però stai attento, Google è molto scaltro a capire se stai manipolando la sua SERP.

Per questo presta attenzione a quello che sto per dirti.

Non puoi creare link solo con ancore manipolative.

Che significa?

Riprendiamo l’esempio delle scarpe di prima.

Se metti in campagna link building l’articolo che parla di scarpe Under Armour, non puoi creare 50 link con l’ancora “scarpe uomo under armour (+ nome del modello esatto)”.

Google capisce chiaramente che vuoi manipolare la sua SERP e quindi otterrai, magari, l’effetto contrario.

Ricorda sempre.

Il fattore fondamentale che determina la credibilità di un profilo backlink è l’equilibrio tra le varie tipologie di link in entrata.

Quindi come fare?

Fai una mappa concettuale per ogni pagina che vuoi linkare.

Potresti ottenere combinazioni diverse di ancore tipo queste:

variazione ancore manipolative link building

Questo era solo un esempio, non mi devi copiare alla lettera.

Puoi elaborare delle combinazioni tutte tue, ma hai capito cosa intendo 😉

Se vuoi fare questo e altre attività in modo più completo e professionale senza sbagliare ti consiglio SEMRush, il tool professionale per fare keywords research e per scoprire tutto riguardo ai tuoi concorrenti.

Non Realizzare PBN con stesso IP

pbn link building

Una delle tecniche più diffuse al mondo è realizzare decine e decine di PBN (private blog network) che puntano sul proprio sito.

Le PBN vanno bene perché sono blog tematici come il nostro principale, quindi andremo a contestualizzare i link.

Il problema arriva se non si lavora con consapevolezza.

Non si devono creare delle PBN con lo stesso IP.

Per quale motivo?

Google non ci mette niente a capire che 10 PBN e il Money Site (sito principale) siano dello stesso proprietario.

Sia chiaro, creare PBN può funzionare se fatto in una certa maniera:

  • 10 siti non devono essere identici tra loro (cambia template e struttura del sito)
  • non devono avere lo stesso IP

Perché le persone continuano a farlo?

Ci sono link builder che continuano ad utilizzare questa tecnica.

Lo sai perché?

Perché nel breve periodo (fino a 6 mesi o più) tu potrai godere di quel posizionamento.

Perché Google ha milioni di pagine da controllare.

I controlli sui backlink richiedono molte risorse e Google non riesce a farli in tempo reale.

Di conseguenza è normale che se combini qualcosa non se ne accorge subito.

Conclusione

Hai letto fin qui? Ottimo! Significa che ti interessava tanto l’argomento link building.

Fammi sapere se le cose che ho scritto ti sono state utili o già le sapevi, se pensi che questo articolo sia utile per un tuo collega o amico condividilo 😉

Te ne sono grato.

Lascia un commento