lorenz crood intervista

Intervista a Lorenz Crood: Uno Dei Migliori SEO Italiani [ESCLUSIVA]

Come avrai già letto dal titolo, questo non sarà un articolo di SEO o di Web Marketing bensì è un intervista a Lorenz Crood, uno dei migliori seo italiani.

Come in qualunque articolo, sia mio che di Lorenz, cerchiamo di fornire ai nostri lettori informazioni pratiche.

Quest’intervista non sarà da meno.

Oggi con internet si può guadagnare in diversi modi, cosa ti ha spinto a diventare SEO?

Mi sono affacciato al mondo dell’Internet Marketing quando ero ancora un ragazzino; il mio sogno era già allora quello di guadagnare da casa senza troppi investimenti.

Leggevo un sacco di blog, soprattutto stranieri.

Tra tutte le discipline necessarie per fare il marketer mi accorsi quasi subito che la SEO era la mia preferita, quella (forse) più difficile da imparare e applicare.

Della SEO mi piace anche il fatto che si tratti di lavorare con un’ottica a lungo termine, senza risultati garantiti, ma con la consapevolezza che lavorando duro i risultati arrivano.

Fare SEO è come giocare a dama contro gli altri siti: vuoi batterli ad ogni costo e puoi farlo solo se conosci più tecniche, hai una strategia e ti impegni.

Si tratta di una competizione in tutto e per tutto.

Inoltre vorrei far notare che essere in grado di posizionare un sito o una pagina web specifica nelle prime posizioni di Google è una abilità non da tutti che può sempre tornare utile in futuro.

Questa disciplina si divide in white e black hat, tu ti consideri un Grey Hat SEO, cosa significa?

Un white hat è colui che rispetta le regole dettate da Google in fatto di SEO, che quindi usa solo metodi etici per rankare sui motori di ricerca.

Ciò consiste praticamente nel scrivere soltanto contenuti di alta qualità ottimizzati (seguendo le tecniche della SEO On-Page).

Un black hat è l’esatto opposto: frappone il proprio interesse alle linee guide di Google.

Quindi non si preoccupa di usare tecniche spammose usando tool automatici, creando PBN, facendo il redirect da domini scaduti, acquistando link.

Molti blogger che fanno SEO però non sanno nemmeno la differenza tra queste due categorie.

Dopotutto questa distinzione non ha molto senso: la maggior parte dei SEO sono grey hat.

Grey hat significa mischiare sapientemente tecniche di entrambi i colori, per ottenere il miglior risultato possibile.

Potresti regalarci alcune tecniche grey hat efficaci?

grey hat seo tecniche

Perché no? Allora, una tecnica molto potente che viene utilizzata poco è quella di aggiornare spesso gli articoli.

Magari aggiungendo la data dell’ultima modifica (anche se non è strettamente necessario), come spiego qua: https://www.lorenzcrood.com/eliminare-data-articoli-wordpress.

Un’altra è quella di ottenere un link da Wikipedia semplicemente aggiungendo una parte di testo ad una pagina della tua nicchia e farlo citando un tuo articolo come fonte.

Anche se si tratta di un link nofollow è molto autorevole ovviamente.

Per chi fosse interessato ecco una lista (in inglese) di altre 20 ottime tecniche.

Hai creato un corso sullo streaming, ma non è illegale?

lorenz crood streming

Lo streaming di contenuti audiovisivi (film, partite, serie TV) protetti da copyright è illegale.

Il punto è che ci sono alcune scappatoie.

Altrimenti come farebbero tutti i siti di streaming più noti ad essere sempre presenti nei primi risultati di ricerca su Google?

Ci sono paesi come la Svezia, l’Irlanda o Panama che non si preoccupano del DMCA (che è una legge americana) e non rivelano alcuna informazione personale dei proprietari di siti web.

Mai sentito parlare di “paradisi fiscali”?

I siti in questione sono ospitati in quei paesi grazie a degli Hosting Offshore, in modo da eludere i controlli.

All’interno del mio corso sullo streaming è ben spiegato come fare a far risultare tutto all’estero servendosi di hosting Offshore, VNP, domini anonimi e un altro tool fondamentale.

Inoltre all’interno del corso condivido anche un metodo totalmente legale per guadagnare con lo streaming (mai pubblicato).

Chi è interessato può scoprire di più qua: Guadagna 500 Euro al Giorno con un sito di Streaming

Scopri StreamInc – Il Videocorso sullo Streaming

Sappiamo che molti ragazzi neo maggiorenni vorrebbero intraprendere un lavoro profittevole con internet, cosa diresti a tutti coloro che sono ancora indecisi?

lavorare con internet

Fatto è meglio che perfetto!”

Non serve procrastinare, non serve crearsi scuse, così come aspettare.

Creare un blog da zero costa solo €50/€70, una cifra irrisoria paragonata al budget che servirebbe per aprire un business offline qualunque. Per cui non ci sono scuse: tutti possono farlo.

Il primo step da fare è quindi quello di creare un blog attorno ad una nicchia, un argomento di cui sei appassionati.

Dopodiché devi preoccuparti di scrivere contenuti di qualità in modo da ottenere qualche lettore affezionato e guadagnarne di nuovi, ed infine devi creare un prodotto da vendere.

Non serve avere tanto traffico, basta saperlo convertire bene.

E se non sei capace di fare SEO e ottenere traffico da Google puoi anche comprarlo (con la pubblicità) da Google o da Facebook.

In questo case study spiego come fare e cito un blog, da 2000 utenti al mese o anche di meno, che riesce a guadagnare più di €1000 (tutte le stime sono al ribasso) con un solo info-prodotto (un corso digitale per imparare a scrivere per il web).

Certo, ci vuole un po’ di duro lavoro e sì, è difficile; ma questo metodo è utilizzato da molti imprenditori del web come me ed è stato verificato che funziona e porta soddisfazioni.

E a tutte quelle persone che stanno impazzendo per imparare l’HTML, CSS, JavaScript etc… perchè pensano che sia l’unico modo per creare siti web di successo?

Ovviamente non è così, con l’HTML e il CSS non si può fare molto (o meglio, ci vuole troppo tempo) che non sia già possibile farlo con WordPress.

Forse con col Javascript già qualcosa in più.

Non dico che sapere tali linguaggi sia inutile, anzi, ti può aiutare molto; io stesso li ho imparati per essere avvantaggiato e poter modificare come voglio i temi di WordPress senza dover pagare qualcun altro.

Però non sono per niente un requisito, è solo un vantaggio in certi casi.

Se si vuole creare un blog ottimizzato per la SEO e quindi in grado di ricevere traffico da convertire e monetizzare io consiglio WordPress, il mio tool preferito per fare business online.


L’intervista è giunta al termine se ti fa piacere condividi l’articolo usando i bottoni qui sotto o lascia un commento, renderà felici sia me che Lorenz 😉

Default image
Lorenzo D'Angelo
Ciao mi chiamo Lorenzo sono un Web Designer & SEO Specialist. Realizzo siti web e li posiziono su Google. La disciplina che amo di più è la SEO ovvero saper posizionare siti web e articoli nelle vette di Google. Da poco sono appassionato anche al mondo delle affiliazioni. Buona Permanenza sul mio Blog.

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

4 Comments

  1. Grazie per l’opportunità 😉

  2. Valerio Scoccimarra
    Valerio Scoccimarra

    Sono un seo da diversi anni ma non ho mai sentito parlare dei pbn, approfondirò l’argomento

Leave a Reply